• Seguimi su Google+
  • Seguimi su Facebook
  • Seguimi su Twitter
  • Contattami con Skype
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Visualizza il Feed RSS

Timeline dei Crimini Medici

Non uno ma ben quattro diversi avvocati difensori si sono rifiutati di consegnare alla famiglia di Carlo la documentazione in loro possesso (il cosiddetto discovery package) ed è forse proprio per questo che l'ottenere e spulciare questa documentazione era così importante. La scusa addotta è stata che i supporter di Carlo avrebbero probabilmente reso pubblica questa documentazione inficiando la validità della procedura d'appello; in realtà il motivo più probabile è che loro stessi si sono resi conto di quanti e quali reati sono stati commessi durante la prosecuzione di Carlo Parlanti ed hanno disperatamente cercato di evitare un conflitto diretto con la Magistratura e la Polizia di Ventura.

Fatto sta che nella sua determinazione Carlo ha continuato a pretendere la consegna della documentazione, anche a costo di ben due scioperi della fame (il secondo di addirittura 15 giorni). Per ottenere le foto questo fu abbastanza ma il collegio di difesa continuava a rifiutare di consegnare il resto della documentazione (i certificati medici per esempio). Fu necessario ricorrere allo stratagemma di licenziare l'ultimo legale Americano senza assumerne un'altro in modo da costringerlo a consegnare la documentazione al legale di Prigionieri del Silenzio in Italia.

La documentazione arrivò in Italia in uno stato orribile (probabilmente un'altro tentativo di confondere le acque) ma i supporter di Carlo e Carlo stesso cominciarono a spulciare; tra di loro merita menzione la Dottoressa Agnese Pozzi che in seguito produrrà la prima delle molte perizie che cominceranno a mettere in evidenza le assurdità di questo processo farsa.

La Timeline dei Crimini Medici riportata in questa sezione è il frutto di questa certosina analisi: i medici coinvolti non furono uno (come si pretese al processo) ma addirittura otto e molti di loro hanno commesso azioni che vanno ben al di là della malpratica... hanno consapevolmente commesso dei falsi ideologici come vedrete negli articoli e nelle perizie che anticipiamo in questo articolo e riportiamo nella loro interezza nel resto di questa sezione. Leggete ed inorridite:

Scarica il documento

 

Il Tirreno GelocalFrancesca Maltagliati
Il Tirreno

© 31 marzo 2011 http://iltirreno.gelocal.it
False perizie sulla White "Medici denunciati"

Il dottor Jeff Bivens in un referto del 16 agosto 2002 (Vedi: Referti Medici ed Altri Documenti - 000673 - 000674 Dottor Jeff Bivens 16 Agosto 2002) scriveva che Rebecca White presentava lividi intorno agli occhi, mentre le foto scattate alla donna dalla polizia il giorno della denuncia (Vedi: Foto scattate dalla Polizia di Ventura, CA - Presunta Vittima, Rebecca McKay White), avvenuta il 18 luglio 2002 (venti giorni dopo la presunta violenza) non mostrano alcun ematoma.

Leggi tutto: Francesca Maltagliati, Il Tirreno


Il Sito di PerugiaFabio Polese
Il Sito di Perugia

© 14 marzo 2011 http://www.ilsitodiperugia.it

“Stupro? Processi perversi – Il Caso Parlanti” è il titolo di un libro-denuncia... [che] accusa la polizia e la procura di aver utilizzato evidenze contraffatte e di aver occultato fatti a discarico e incolpa numerosi medici – non solo californiani – di aver emesso certificazioni false ed in contrasto con le foto della polizia ed altre certificazioni.

Leggi tutto: Fabio Polese, Il Sito di Perugia


JulieNews.itGermano Milite
Julie News

© 06 marzo 2011 http://www.julienews.it

I referti degli specialisti, che hanno spinto i giudici americani a condannare il Parlanti, possono essere inquadrati senza timore di smentita come veri e propri crimini medici. I dottori coinvolti in questo incredibile caso di malagiustizia, tra l'altro, si sono chiusi in un misterioso ma facilmente interpretabile silenzio. Com'è possibile, infatti, che un affermato professionista statunitense accusato dalla stampa italiana di aver falsificato o "gonfiato" alcuni referti di enorme importanza, non senta l'esigenza di chiarire in maniera decisa e repentina la propria posizione e le proprie ragioni?

Leggi tutto: Germano Milite, Julie News


Il Tirreno GelocalFrancesca Maltagliati
Il Tirreno

© 10 febbraio 2011 http://iltirreno.gelocal.it

Tanto per fare un esempio c'è una lettera del 2005 del neurologo Neil L. Pugach della Neurological Associates of Hampton Roads in Chesapeake, Virginia, con la quale Rebecca McKay White viene dichiarata invalida permanente a causa dei danni al cervello subiti nel pestaggio. Lo stesso neurologo aveva però sottoposto, pochi mesi prima, la paziente ad una visita accurata con tanto di risonanza magnetica dalla quale non risultava "niente di rimarchevole". Ma le contraddizioni sono tante e si trovano tutte all'interno di documenti ufficiali, protocollati.

Leggi tutto: Francesca Maltagliati, Il Tirreno


Dr. Agnese PozziDr. Agnese Pozzi
Consulente per il Tribunale di Montenegro (PZ)

4 marzo 2011, tel +39 (0973) 22519, email  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

E' doveroso quindi denunciare anche questi fatti specifici, al di là delle irregolarità processuali, che dal punto di vista medico e a garanzia dei diritti dell'inputato, dovevano essere discussi in aula da un tecnico medico designato dal giudice, e ciò non è stato.

Carlo Parlanti è vittima di falsità, omissioni e commissioni di natura medica oltre che giuridica, oltre che della follia di una donna tradita.

Leggi tutto: Dr. Agnese Pozzi


Dr. Benedetta GuidiDr. Benedetta Guidi
Specialista in Medicina Legale (PT)

tel +39 (338) 428-3994, email  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sulla base di tali considerazioni, pertanto, è possibile affermare l'assoluta incompatibilità cronologica tra l'ecchimosi periorbitali ("black eye") rilevate dal dr. Bivens con l'asserito traumatismo cagionatele da Carlo Parlanti.

Tali lesioni accertate durante tale visita debbono riconoscere necessariamente una genesi successiva alle riferite percosse del 29 giugno 2002.

Vieppiù che nessuna lesione era stata evidenziata al momento della presentazione della denuncia avvenuta il 18 luglio 2002 come dimostrato dalle fotografie scattate nell'occasione dagli agenti di polizia, nè in occasione della prima visita medica effettuata presso il dr. Manchester in data 22 luglio 2002, il cui referto è muto circa tali lesività.

...

In tale lettera aperta il dr. N. Pugach fa riferimento ad un deterioramento cognitivo permanente e progressivo, non migliorabile, di gravità tale da impedire ogni attività lavorativa. Tale deficit è ricollegato dal sanitario alla violenza domestica subita dalla paziente, sebbene nelle visite precedenti lo stesso abbia certificato l'assenza di alterazioni neurologiche sulla base non solo dell'indagine clinica (soggetto vigile ed orientato privo di deficit mnesici e dell'eloquio), ma soprattutto delle indagini di neuroimaging (RMN craniocefalica con e senza mezzo di contrasto) eseguite, risultate prive di note patologiche. Lo stesso aveva diagnosticato solo una cefalea cronica con sovrapposto distiroidismo (patologie non ricollegabili alla presunta violenza) Si fa presente inoltre che il sanitario non ha mai prescritto alcun farmaco specifico per i difetti cognitivi ma solo per l'emicrania.

Leggi tutto: Dr. Benedetta Guidi


Medical Crimes' Timeline

Commenti   

 
Carlo Mosso
+1 #1 Carlo Mosso 2012-12-31 04:15
Fantastico!!... . i documenti pubblicati oramai li conosco bene, ma vedere la funzionalità e praticità di questo mi piace un "casino"
 

Registrati o loggati per commentare

Collegati

Language

Choose a language...

...or try with Google