• Seguimi su Google+
  • Seguimi su Facebook
  • Seguimi su Twitter
  • Contattami con Skype
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Visualizza il Feed RSS

Benvenuti nel Nuovo CarloParlanti.it

CarloParlanti.it nel Settembre 2005Nel settembre del 2005 un gruppo di volontari, che si faceva chiamare "le ragazze del blog", si armò di FrontPage (e tanta pazienza) e disegnò il primo scheletro di questo sito dedicato alla storia Kafkiana del manager Italiano Carlo Parlanti, condannato nella contea di Ventura in California a seguito di false accuse e con l'uso di documentazione e certificati fraudolenti.

Come si evince dal nome, questo gruppo di volontari aveva già curato un blog dedicato a quest'ennesimo esempio di malagiustizia Americana, ma adesso l'impegno si stava facendo più intenso. Ben presto tutto questo impegno darà luce alla ONLUS Prigionieri del Silenzio che continua tutt'oggi ad occuparsi concretamente della tutela dei diritti umani degli Italiani detenuti all’estero.

Nell'aprile del 2006, dopo la scioccante condanna di Carlo Parlanti a nove anni di carcere per fatti mai neppure accaduti, si aggiunse un'altro sito dedicato questa volta ad ospitare e rendere pubblica tutta la documentazione di questo processo farsa. Il nuovo repositorio di documenti si chiamò The People vs. Carlo Parlanti, prendendo inspirazione dalla tipica formula in uso nei processi Americani. Carlo non era mai stato in prigione e, secondo le leggi vigenti in California, gli sarebbe perlomeno spettato il minimo della sentenza... invece il Giudice James T. Cloninger, su richiesta del Procuratore Gilbert Romero, gli affibbiò il massimo della pena proprio per punire l'arroganza con cui si stava mettendo in evidenza la corruzione del sistema giudiziario Californiano.

Carlo è tornato tra di noi il 15 di febbraio del 2012 ed ovviamente si è subito dedicato a far partire nuove battaglie legali contro tutti i crimini commessi al contorno della sua prosecuzione; ma ha anche ricominciato a studiare per recuperare gli otto anni di sviluppo tecnologico che gli sono stati rubati dalla giustizia Californiana. Prima ha costruito il sito dell'Associazione Internazionale Vittime degli Errori Giudiziari, presieduta dall'Avvocato Luciano Faraon che è anche il legale che lo sta seguendo nelle denunce di cui sopra, poi ha rinnovato il sito di Prigionieri del Silenzio per renderlo più consono all'alto impegno morale e sociale di questa ONLUS.

Adesso è finalmente arrivato il momento di ricostruire anche il sito dedicato a lui ed a far conoscere i crimini commessi da Rebecca McKay White (la donna che si è inventata uno stupro mai accaduto) dai medici che hanno firmato per lei certificati fraudolenti e dalla Procura e Polizia di Ventura che questi crimini li hanno occultati, probabilmente per nascondere la propria incompetenza... anche al costo della vita di un'innocente.

CarloParlanti.it nel Luglio 2011Un primo tentativo di rifacimento c'era già stato nel luglio del 2011, quando si era cercato di migrare il sito su di una piattaforma CMS (Content Management System o Sistema di Gestione dei Contenuti) per facilitare la manutenzione e l'aggiornamento dei contenuti dello stesso.

Le piattaforme CMS come Joomla!, Drupal o WordPress consentono di separare il disegno e la gestione tecnica di un sito dalla gestione dei suoi contenuti. Questo fa aumentare la produttività degli autori e dovrebbe, perlomeno in teoria, ridurne i mal di testa. Purtroppo l'implementazione di questo tipo di software presenta una complessità "di ingresso" che li rende ostici ad utenti non specializzati tecnicamente. Insomma ci vuole un geek che li implementi e poi tutto diventa più facile.

Per fortuna i geek non ci mancano e Carlo ci farà vedere di cosa è capace insieme a suo fratello Micha!

Per questo progetto hanno disegna da zero una template e varie plugins Joomla!  rendendo così CarloParlanti.it un sito veramente unico (oltre che moderno e funzionale).

Ma adesso lasciamo a loro la parola per parlarci un poco di più di questa template, di Joomla e del loro impegno nel mondo dei CMS:


Carlo

Il nuovo CarloParlanti.itGià nel 2003, durante la mia avventura nel settore delle prenotazioni alberghiere insieme ai mie colleghi/amici di BISCA, mi ero reso conto della necessità di adottare un qualche sistema di gestione dei contenuti per domare la quantità di informazioni che dovevamo gestire (al massimo della sua espansione BISCA gestiva circa 1.600 siti web ognuno dei quali offriva prenotazioni per migliaia di proprietà).

In quel periodo scrissi un CMS che battezzammo DynaHTML e che utilizzava MySQL, PHP e Smarty per generare letteralmente migliaia di siti e milioni di pagine su richiesta con virtualmente zero manutenzione. Potete immaginare con quanto entusiasmo, dopo il gap tecnologico di 8 anni rubatomi col linciaggio giudiziario subito nella contea di Ventura, io abbia adottato gli ormai omni-presenti CMS Open Source come Joomla!, WordPress o Drupal.

Il nostro CMS prediletto è di sicuro Joomla, sebbene con Pubblica X Me abbiamo realizzato siti anche con altri CMS meno funzionali ma forse proprio per questo più semplici. Ci siamo resi conto in fretta che molte delle templates disponibili per Joomla (o dei temi per WordPress) sono spesso disegnati con poca attenzione per le necessità di siti multilingua ed altrettanto poca cura nei dettagli e nelle flessibilità.

E' stato a causa di questi limiti che abbiamo in fretta cominciato a disegnare templates per i nostri siti; la prima in assoluto è stata PXM_Simple sviluppata con l'occasione del rifacimento del sito di Prigionieri del Silenzio. Ma per il sito interamente dedicato alla mia angosciante e drammatica persecuzione nella terra dei liberi e casa dei coraggiosi dovevo assolutamente disegnare qualcosa di meno semplice.

I parametri di PXM DesktopE' nata così PXM_Desktop, che è anche adottata dal nostro sito portfolio Pubblica X Me: una template completamente multi-lingua e dalle incredibili funzionalità. Tanto per citarvene alcune:

  • canvas fisso o fluido a scelta;
  • logo personalizzabile;
  • veramente multilingua (motto, descrizioni, moduli vari, Google IDs);
  • 3 diversi temi per riquadri, colori e caratteri per un totale di 9 diversi stili chiavi in mano;
  • personalizzazione CSS nei parametri;
  • predisposizione per Google Translate;
  • predisposizione per Google Analytics;
  • vera disposizione verticale dei Blog;
  • effetto fisarmonica delle introduzioni articoli;
  • 3 diverse cromature dei moduli: nessuna div, div singola o doppia;
  • 3 effetti menu dei moduli: schede, aperto, chiuso;
  • plugins per i contenuti applicabili ai moduli;
  • moduli corretti: com_contact, com_newsfeeds, com_content, com_search, mod_breadcrumbs, mod_languages.
Canvas fisso o fluido a scelta

La dimensione del canvas di questa template (la parte con contenuti della finestra del browser) può cambiare da dimensione fissa (il trend più comune oggigiorno) a fluida al cambiare di un parametro. E' sufficiente specificarne la larghezza in pixels (ad esempio 1024px) oppure in percentuale (ad esempio 90%) per cambiare da una modalità all'altra.

Logo personalizzabile

E' possibile modificare velocemente la testata del sito scegliendo una immagine, aggiornando il nome del sito ed inserendo una descrizione; tutti questi componenti possono essere allineati a piacere e le descrizioni possono cambiare con la lingua. Se poi questa semplice testata risultasse troppo riduttiva si può sostituire completamente con un modulo HTML personalizzato che soddisfi meglio le proprie esigenze.

Veramente multilingua (motto, descrizioni, moduli vari, Google IDs)

Molte templates dimenticano di tenere opportunamente in considerazione le esigenze di siti multilungua... ma PXM_Desktop non è così e tutte le stringhe di testo che possono variare con la lingua sono state codificate negli opportuni file di lingua di Joomla! In questo modo cambieranno con la lingua scelta dall'utente e voi potrete anche modificarli utilizzando la funzione di override delle costanti di testo. Inoltre, come vedrete in seguito, molti moduli di Joomla! sono stati corretti proprio tenendo in considerazione le esigenze di siti multilingua (persino gli identificativi di Google Translate ed Analytics sono gestiti nello stesso modo così da poterli cambiare in base al dominio od alla lingua). 

3 diversi temi per riquadri, colori e caratteri per un totale di 9 diversi stili chiavi in mano

Invece di costringervi ad accettare uno stile CSS predefinito la template PXM_Desktop vi lascia la possibilità di scegliere tra ben 3 stili per 3 aree: un totale di 9 possibili combinazioni di stili. I CSS della template sono infatti stati separati in CSS dedicati ai bordi dei componenti (cromature), ai colori ed ai caratteri; per ciascuna di queste aree è poi possibile scegliere uno di 3 diversi stili. E se questo non fosse abbastanza guardate qua sotto:

Personalizzazione CSS nei parametri

Molto spesso si trovano conflitti tra i CSS di Joomla!, quelli della template in uso e quelli dei moduli e dei plugins adottati. Per risolvere questo problema comune, PXM_Desktop vi da la possibilità di inserire codice CSS direttamente nei parametri della template; questo CSS viene caricato per ultimo avendo così la precedenza sugli altri e diventando il punto perfetto per risolvere conflitti. Ovviamente è possibile utilizzare questa funzionalità anche semplicementi per personalizzare alcuni degli stili di Joomla!, della template o dei componenti/plugins in uso.

Predisposizione per Google Translate

Per facilitare l'eventuale adozione delle funzionalità di traduzione automatica di Google, la template PXM_Desktop la implementa di default: tutto quello che dovete fare è modificare una stringa testo nella funzione di override delle costanti in lingue ed assegnarli il vostro Google Translate ID. Ovviamente se il sito è multilingua potrete specificare diversi IDs per i diversi domini e lingue.

Predisposizione per Google Analytics

Per facilitare l'eventuale adozione delle funzionalità di collezione di statistiche di Google, la template PXM_Desktop la implementa di default: tutto quello che dovete fare è modificare una stringa testo nella funzione di override delle costanti in lingue ed assegnarli il vostro Google Analytics ID. Ovviamente se il sito è multilingua potrete specificare diversi IDs per i diversi domini e lingue tenendo così separate le loro statistiche.

Vera disposizione verticale dei Blog

Sebbene Joomla! ordini correttamente gli articoli nella versione verticale delle pagine Blog, pecca nella gestione degli spazi tra gli articoli stessi. Confrontate i due esempi sotto:

Articolo 1

Articolo 3

 

 

 

Articolo 5

 

 

 
 

Articolo 2

 

 

 

Articolo 4

 

Articolo 6

 

 

 

 

 
 

quello sopra è un esempio della tipica organizzazione verticale di articoli in una pagina blog di Joomla! mentre qua sotto vedete l'organizzazione verticale di PXM_Desktop.

Articolo 1

Articolo 2

 

 

 

 

 

Articolo 3

 

 

 

Articolo 4

 

 

Articolo 5

 

 

Articolo 6

 

 

 

 

 

Effetto fisarmonica delle introduzioni articoli

Le pagine Blog della template PXM_Desktop sono state realizzate per consentire un effetto a fisarmonica del testo completo dell'articolo. Se si clicca sul titolo dell'articolo si passa alla pagina corrispondente, ma se si clicca sul pulsante leggi tutto il testo completo dell'articolo si srotola verso il basso.

Testo introduttivo dell'articolo

(se impostato per essere nascosto
nel testo completo, scorre verso
l'alto prima che venga rivelato l'
articolo completo)

Pulsante leggi tutto/chiudi

Testo completo dell'articolo

(scorre verso il basso quando si
clicca sul leggi tutto e verso l'alto
quando si clicca chiudi)

Ovviamente se il testo introduttivo è stato impostato per essere nascosto e non visualizzato insieme al resto dell'articolo, scorrerà verso l'alto prima che venga mostrato l'articolo completo.

E' possibile disattivare questo effetto nei parametri della template lasciando che il pulsante leggi tutto porti alla pagina dell'articolo; ma si può anche agire sul campo Riferimento chiave della sezione Opzioni visualizzazione dei parametri dell'articolo immettendo pxm_accordion oppure pxm_no_accordion per cambiare il comportamento di default per il singolo articolo. Questo può essere utile quando il contenuto grafico di un articolo non scrolla in maniera morbida con l'effetto fisarmonica o se lo si vuole utilizzare solo per pochi articoli.

3 diverse cromature dei moduli: nessuna div, div singola o doppia

Per default PXM_Desktop crea moduli circondati da una div con classe moduletable come nell'esempio qui sotto: 

div class="moduletable"

Titolo del modulo

  • Menu item 1
  • Menu item 2
  • Menu item 3

Se però si hanno delle esigenze particolare si può chiedere alla template di non circondare il modulo con nessuna div  utilizzando le Opzioni avanzata del modulo e specificando un Suffisso classe CSS modulo pxm_div0:

nessuna div

Titolo del modulo

  • Menu item 1
  • Menu item 2
  • Menu item 3

In modo analogo si può chiedere alla template di circondare il modulo con due div (utili per effetti speciali di bordi CSS) utilizzando le Opzioni avanzata del modulo e specificando un Suffisso classe CSS modulo pxm_div2:

div class="moduletable"
div class="moduleinner"

Titolo del modulo

  • Menu item 1
  • Menu item 2
  • Menu item 3

 

3 effetti menu dei moduli: schede, aperto, chiuso

Moduli aperti, chiusi ed a schedeLe Opzioni avanzata del modulo ed il campo Suffisso classe CSS modulo possono essere utilizzati anche per chiedere a PXM_Desktop di attivare 3 effetti speciali sui moduli.

Se si specifica pxm_opened oppure pxm_closed si aggiunge, alla destra del titolo del menu, un pulsante - oppure + ed il menu risulterà inizialmente aperto o chiuso; ovviamente premendo il pulsante il menu si chiuderà oppure aprirà ed il pulsante cambierà nel suo contrario.

Se si specifica pxm_tabbedX (dove X è un numero da 0 a 9) nel campo classe CSS di uno o più moduli menu, PXM_Desktop provvederà a riunirli ed a creare per noi il tipico menu a schede che fornisce un notevole risparmio di spazio e facilità di navigazione.

Plugins per i contenuti applicabili ai moduli

Se si specifica pxm_plugins nel campo classe CSS di uno o più moduli, PXM_Desktop si preoccuperà per noi di applicare le plugins per i contenuti ai moduli in questione. Così se avete utilizzato dei moduli HTML personalizzati e fatto affidamento su qualche plugin del tipo {plugin}istruzioni{/plugin} tutto funzionerà esattamente come se vi trovaste nell'area dei contenuti principali.

Moduli corretti: com_contact, com_newsfeeds, com_content, com_search, mod_breadcrumbs, mod_languages

com_contact: Il componente contatti di Joomla! visualizza alcune delle sue sezioni anche se in effetti risultano essere vuote.
Se si adotta la funzionalità multilingua, il modulo contatti di Joomla! visualizza, oltre agli articoli dell'utente, anche tutti gli articoli con assegnata lingua "*". Si è anche aggiunto il testo introduttivo dell'articolo al semplice titolo visualizzato come standard.

com_newsfeed: il componente news feed di Joomla! visualizza la div di navigazione anche se la pagina non necessita di navigazione (e la div risulta perciò vuota).

com_content: il componente contenuti di Joomla! visualizza in alcune viste la div di navigazione anche se la pagina non necessita di navigazione (e la div risulta perciò vuota).
Il componente è stato anche implementato per consentire, nelle pagine Blog, la correzione dell'ordinamento verticale e l'effetto a fisarmonica del tasto leggi tutto.

com_search: il componente ricerca di Joomla! visualizza la div di navigazione anche se la pagina non necessita di navigazione (e la div risulta perciò vuota).

mod_breadcrumbs: il modulo percorso di Joomla! ha un problema con la gestione multilingua: in alcuni casi la pagina iniziale è cliccabile anche se è la sola del percorso.

mod_languages: il modulo linguaggi di Joomla! è stato modificato per offrire la possibilità di utilizzare la traduzione automatica di Google oltre alle lingue disponibili sul sito.

Se volete sapere di più su PXM_Desktop o su quello che sto facendo per cercare di tornare a vivere dopo l'inferno a cui mi hanno condannato le menzogne di Rebecca McKay White (e dei suoi medici compiacenti) e gli occultamenti e complicità della Procura e Polizia di Ventura visitate la mia pagina di contatto.

Micha

Per sapere di più delle attività di Pubblica X Me o di questa template visitate la mia pagina di contatto.

Welcome to the New CarloParlanti.it

Registrati o loggati per commentare