• Seguimi su Google+
  • Seguimi su Facebook
  • Seguimi su Twitter
  • Contattami con Skype
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Visualizza il Feed RSS

Articoli di Denuncia

Sono molti i giornalisti ed i medici che hanno denunciato (alcuni di loro anche formalmente) i medici a dir poco compiacenti che hanno aiutato Rebecca McKay White nelle sue false accuse e, ovviamente, le colluse Polizia e procura di Ventura.

Alcuni tra di loro si sono poi ispirati alla timeline disegnata in carcere da Carlo ed hanno pubblicato, a cura di Prigionieri del Silenzio, un volume dal titolo Timeline dei Crimini medici.

Forse la maniera migliore di riassumere questa sezione è usando le parole di Germano Milite I referti degli specialisti, che hanno spinto i giudici americani a condannare il Parlanti, possono essere inquadrati senza timore di smentita come veri e propri crimini medici.


Francesca Maltagliati, Il Tirreno

Il Tirreno GelocalFrancesca Maltagliati
Il Tirreno

© 31 marzo 2011 http://iltirreno.gelocal.it
False perizie sulla White "Medici denunciati"

Il dottor Jeff Bivens in un referto del 16 agosto 2002 scriveva che Rebecca White presentava lividi intorno agli occhi, mentre le foto scattate alla donna dalla polizia il giorno della denuncia (Vedi: Foto scattate dalla Polizia di Ventura, CA - Presunta Vittima, Rebecca McKay White), avvenuta il 18 luglio 2002 (venti giorni dopo la presunta violenza) non mostrano alcun ematoma.

Leggi tutto: Francesca Maltagliati, Il Tirreno

Fabio Polese, Il Sito di Perugia

Il Sito di PerugiaFabio Polese
Il Sito di Perugia

© 14 marzo 2011 http://www.ilsitodiperugia.it

“Stupro? Processi perversi – Il Caso Parlanti” è il titolo di un libro-denuncia... [che] accusa la polizia e la procura di aver utilizzato evidenze contraffatte e di aver occultato fatti a discarico e incolpa numerosi medici – non solo californiani – di aver emesso certificazioni false ed in contrasto con le foto della polizia ed altre certificazioni.

Leggi tutto: Fabio Polese, Il Sito di Perugia

Germano Milite, Julie News

JulieNews.itGermano Milite
Julie News

© 06 marzo 2011 http://www.julienews.it

I referti degli specialisti, che hanno spinto i giudici americani a condannare il Parlanti, possono essere inquadrati senza timore di smentita come veri e propri crimini medici. I dottori coinvolti in questo incredibile caso di malagiustizia, tra l'altro, si sono chiusi in un misterioso ma facilmente interpretabile silenzio. Com'è possibile, infatti, che un affermato professionista statunitense accusato dalla stampa italiana di aver falsificato o "gonfiato" alcuni referti di enorme importanza, non senta l'esigenza di chiarire in maniera decisa e repentina la propria posizione e le proprie ragioni?

Leggi tutto: Germano Milite, Julie News

Francesca Maltagliati, Il Tirreno

Il Tirreno GelocalFrancesca Maltagliati
Il Tirreno

© 10 febbraio 2011 http://iltirreno.gelocal.it

Tanto per fare un esempio c'è una lettera del 2005 del neurologo Neil L. Pugach della Neurological Associates of Hampton Roads in Chesapeake, Virginia, con la quale Rebecca McKay White viene dichiarata invalida permanente a causa dei danni al cervello subiti nel pestaggio. Lo stesso neurologo aveva però sottoposto, pochi mesi prima, la paziente ad una visita accurata con tanto di risonanza magnetica dalla quale non risultava "niente di rimarchevole". Ma le contraddizioni sono tante e si trovano tutte all'interno di documenti ufficiali, protocollati.

Leggi tutto: Francesca Maltagliati, Il Tirreno

Paolo Signorelli, Giustizia Giusta

To translate

Giustizia GiustaPaolo Signorelli
Giustizia Giusta

© luglio 2010 http://www.giustiziagiusta.net

Ci Sono Ancora Dottori Onesti in America?

Poco tempo fa abbiamo portato alla luce dei riflettori una clamorosa truffa, organizzata ai danni dei servizi sociali federali, dal neurologo Neil L.Pugach e dalla sua paziente Rebecca White (vedi: Antonella Ricciardi, Rinascita). In quell’articolo abbiamo spiegato come Pugach abbia prima firmato tre diversi documenti, certificando che la sua paziente risultava “ OK “, secondo più di una dozzina di test e di esami diversi (unica eccezione una disfunzione tiroidea), poi abbia stilato un altro documento nascondendo tutti i test ed esami eseguiti e dichiarando la paziente “disabile” (per farle intascare i soldi della Social Security).

La gravità del crimine commesso ed il fatto che la documentazione che lo prova sia stata fornita addirittura da una procura californiana ci ha lasciato turbati: come e’ potuto succedere? Ma soprattutto, si tratta di un episodio isolato? Per rispondere a queste domande siamo andati a spulciare più a fondo nella documentazione relativa alla presunta aggressione che avrebbe causato l’ “invalidità permanente” della signora Rebecca White. Vale la pena ricordare che tutta la documentazione che abbiamo consultato (medica e non) riporta in basso a destra le 6 cifre del protocollo della Procura californiana che ha investigato il “crimine”. Chi potrebbe chiedere di meglio?

Ci eravamo preparati mentalmente ad una sorpresa ma quello che abbiamo scoperto supera di gran lunga ogni più assurda fantasia! Ma andiamo con ordine…

Leggi tutto: Paolo Signorelli, Giustizia Giusta

Antonella Ricciardi, Rinascita

RinascitaAntonella Ricciardi
Rinascita

© 31 maggio 2010 http://www.rinascita.eu

Scandalosa Truffa ai Danni dei Servizi Sociali Federali Statunitensi

Gli Stati uniti sono un Paese in cui vige un sistema giuridico dalle regole ferree e che a volte punisce a dismisura; anche lì, comunque, tante, troppe volte, la legge non sembra essere sempre uguale per tutti: non nei principi, ma nei modi in cui di fatto viene interpretata. Infatti, nonostante sia alta la percentuale di false accuse di violenza, fatte spesso per ottenere benefici economici, tale dato viene quasi sempre fatto passare in sordina, forse per salvaguardare le vere vittime…ma che dire dei caso nei quali addirittura dei medici si sono rivelati conniventi? Di recente ci siamo imbattuti, con iniziale incredulità, in un caso che ad attenta analisi sembra appartenere proprio a questa categoria; quello del neurologo Neil L. Pugach della Neurological Associates of Hampton Roads in Chesapeake, Virginia. Nell’aprile del 2005 il dottor Freeman E.T. (anche lui di Chesapeake) aveva raccomandato al neurologo una paziente con una lista di sintomi lunga mezza pagina, fatti risalire ad un’aggressione subita tre anni prima.

Leggi tutto: Antonella Ricciardi, Rinascita